News

Login Form

Iscrivendovi sul sito e dopo aver abilitato il vostro account riceverete anche la newsletter del registro.

Grazie per esservi registrati e benvenuti.

Log in
Jan 1

Laird e lairdships

Definizione

Con il termine Laird in Scozia si indica un nome generico per i possessori di una proprietà, che equivale alla condizione di esquire in Inghilterra.

Tuttavia questa dignità è posseduta solo da chi ha ricevuto il riconoscimento ufficiale dal Lord Lyon.

Quindi il titolo Laird seguito dal nome del territorio è simile ai predicati italiani, sebbene in Scozia indica appunto il possesso di una proprietà con un nome specifico, riconosciuto dal Lord Lyon.

Appellativo

Il possessore di questa proprietà sarà quindi appellato con Nome, Cognome seguito dal nome della lairdship, oppure Nome, Cognome, Laird di (nome del territorio). Il nome può essere preceduto dall'appellativo "The much honoured".

È bene sottolineare che essere Laird non significa essere Lord e che una lairdship non è un feudo, ma una semplice proprietà con una designazione territoriale riconosciuta dal Lord Lyon.

E che acquistando un pezzo di terreno in una zona con una designazione territoriale riconosciuta non significa diventare Laird o nobili.

Generalmente sono considerati Laird i possessori di una proprietà appartenenti ad una stessa famiglia o clan.

Riconoscimenti e Posizione del Lord Lyon

Dal punto di vista araldico i Lairds non hanno diritto a nessun tipo di contrassegno, ma un laird chepossiede uno stemma registrato presso il Public Register of All Arms and Bearings in Scotland è a tutti gli effetti considerato un membro della cosidetta nobiltà minore scozzese e la dignità viene prima del gentiluomo e dopo il barone feudale.

A proposito dei Lairds il Lord Lyon ha voluto precisare la questione con la seguente dichiarazione:

The term ‘laird’ has generally been applied to the owner of an estate, sometimes by the owner himself or, more commonly, by those living and working on the estate. It is a description rather than a title, and is not appropriate for the owner of a normal residential property, far less the owner of a small souvenir plot of land. It goes without saying that the term ‘laird’ is not synonymous with that of ‘lord’ or ‘lady’.
Ownership of a souvenir plot of land is not sufficient to bring a person otherwise ineligible within the jurisdiction of the Lord Lyon for the purpose of seeking a Grant of Arms (http://www.lyon-court.com/lordlyon/776.html).

Conclusioni

Se ne deduce che chi usa nell'alias sul Registro Araldico Italiano titoli come Lord o Laird non riconosciuti dal Lord Lyon King of Arms di Scozia, non sono da considerarsi dei Lairds.

 

Jan 1

Autocertificazione e richiesta stemmi

Chi compila il modulo "richiesta stemmi", può anche evitare di compilare l'autocertificazione, ma in questo caso saranno pubblicate le immagini degli emblemi registrati, ma non la loro esegesi; nè saranno pubblicate la provenienza e la residenza dell'intestatario.
Avranno diritto agli emblemi i soli discendenti diretti dell'intestatario.

Jan 1

Uso di appellativi Don e Donna

Da oggi nelle registrazioni, possono anteporre al proprio nome Don o Donna:

a) tutti i capi delle casate italiane iscritte negli elenchi nobiliari ufficiali, nonchè i discendenti di queste famiglie aventi diritto ai rispettivi titoli;

b) coloro che hanno questo appellativo sugli atti di stato civile;

c) coloro che hanno questo appellativo sui certificati di conferimento di onorificenze, benemerenze o appartenenza a sodalizi di carattere nobiliare, formati da membri discendenti da famiglie inserite in elenchi nobiliari ufficiali.

Tra i sodalizi sono inclusi lo SMOM e tutti gli ordini cavallereschi di dinastie regnanti, nonchè i loro sistemi premiali, le loro benemerenze e le loro onorificenze.

Jan 1

Registrazioni bis

Da oggi le registrazioni in capo ad una stessa persona fisica o giuridica, saranno contrassegnate dall'aggiunta del bis, ter, etc., dopo il numero di registrazione del primo emblema registrato in ordine cronologico.

Jan 1

Giornata internazionale dell'araldica

Il 10 giugno 2013 l'Associazione Internazionale degli Araldi Amatoriali ha istituito la giornata mondiale dell'araldica, il cui scopo è non solo di promuovere l'araldica, ma di celebrare per un giorno questa antica disciplina, in tutte le sue forme.
Indipendentemente dalla giurisdizione, dall'area geografica e dalle tradizioni di appartenenza, qualunque appassionato alla materia può contribuire con la propria iniziativa.

I risultati di queste iniziative saranno pubblicate ogni anno sulla pagina facebook dell'evento: https://www.facebook.com/celebrateheraldry

Lo stemma celebrativo dell'evento è: d'azzurro, alla quercia sradicata d'argento, attraversata da un leone sdraiato con la testa in maestà d'oro.

Il badge: su una collina erbosa un cavaliere in armatura, con una casacca di verde, doppiamente vaiata, reggente con la mano sinistra uno scudo d'azzurro, al leone rampante d'oro, e con la destra reggente una lancia da cui sventola la bandiera dello stemma.

Alias badge: su scudo rotondo d'azzurro, una quercia sradicata d'argento, con 8 scudi di varia foggia d'oro appesi sui rami, e uno scudo alla base dell'albero dello stesso, sopra il motto di nero su cartiglio d'argento recante la data 10 juni 1128.

Questa data è stata scelta, perchè questo giorno a Rouen fu creato cavaliere dal suo futuro suocero Enrico I Beauclerc, Goffredo Plantageneto.
Durante la cerimonia il Plantageneto usò lo stemma d'azzurro, a sei leoni d'oro e questo è riconosciuto da tutti gli araldi del mondo come il primo stemma completo.

Le immagini degli emblemi sono visibili alla seguente pagina: http://www.armorial-register.com/arms-us/international-hd-arms.html

Per questa occasione il Registro Araldico Italiano terrà un'estrazione eccezionale dell'omonimo concorso.

Italian English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Registrazioni

Compilate il modulo per registrare il vostro emblema

Newsletter

Iscrivetevi alla newsletter del registro

Guida araldica

La guida a tutti gli emblemi registrabili sul registro

Lo studio

Visitate il sito dello Studio Araldico Pasquini