Home

Login Form

Iscrivendovi sul sito e dopo aver abilitato il vostro account riceverete anche la newsletter del registro.

Grazie per esservi registrati e benvenuti.

Log in

rai_bis
  PARTE II - Sez. II

 STEMMI DI FAMIGLIA

      separatore_bis

 

               SPANO'        

                                                                                                                                                                

ScudoRegistrazione n. 452

Data:26 dicembre 2015

Intestatario: Dottor Diego Spanò

Alias: Barone dei Tre Mulini, Nobile di Reggio Calabria, Patrizio Bizantino, Barone di Pomerania e Livonia, Cavaliere templare del Granducato di Pomerania e Livonia.

Provenienza: Reggio Calabria

Residenza: Messina

Scudo: sannitico

Arma: d'azzurro, alla palma sradicata d'oro, sormontata da un crescente montante d'argento e sinistrata da un leone controrarampante del secondo.

Alias: idem

Timbro: elmo e corona da barone, cercine e lambrecchini d'azzurro e d'oro.

Alias: d'argento, alla spada in palo affiancata dalle lettere gotiche D ed S e sormontata da una croce templare, il tutto di rosso.

Elmo: di profilo, chiuso, di acciaio, con cinque penne di rosso.

Lambrecchini: di rosso e d'oro.

Hanno diritto allo stemma tutti i discendenti diretti dell'intestatario e Giacomo Zanghì (nipote).

 

 

Spanò Diego antiquo

 

spano cav templare livonia

 

 

__________________________________________________________________________
Documenti depositati: stemmi, anello di famiglia, documenti storici, nomina a Cavaliere Templare e Barone di Pomerania e Livonia del Granducato di Pomerania e Livonia (micronazione), Decreto di registrazione sul Grande Armoriale Italiano.

* Aggiornato il 14/5/2016

 

{sharethis}

 

Italian English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Registrazioni

Compilate il modulo per registrare il vostro emblema

Newsletter

Iscrivetevi alla newsletter del registro

Guida araldica

La guida a tutti gli emblemi registrabili sul registro

Lo studio

Visitate il sito dello Studio Araldico Pasquini