Home

Login Form

Iscrivendovi sul sito e dopo aver abilitato il vostro account riceverete anche la newsletter del registro.

Grazie per esservi registrati e benvenuti.

Log in

Lorenzo Caratti di Valfrei ARALDICA: "L'araldica è' la disciplina che insegna a comporre le armi. E', quindi, la disciplina che ci spiega come si deve costruire uno stemma. Proprio per questa sua particolare caratteristica di creatività e di fantasia, più che di "scienza" araldica, un tempo si preferiva parlare di "arte" araldica"

Carl Alexander Von Volborth ARALDICA: usi, regole e stili. "... Il diritto alle armi non è un privilegio di un qualche particolare gruppo della società e ognuno può assumere nuove armi per se stesso o per la sua famiglia, a meno che non sia considerato illegale nel suo paese".

Bascapè-Del Piazzo: INSEGNE E SIMBOLI: "L'araldica - scriveva Giuseppe Dalla Torrre - è soprattutto, è essenzialmente un linguaggio figurato. Lo stemma esprime un'impresa, ricorda un fatto; per questo diventa un contrassegno; un cognome, direi, illustrato. Agli studiosi esso basta per indovinare di un momumento, un sepolcro, di un edificio, quand’anche ogni scritta ne sia sparita, a chi appartenga. Certe lacune storiche sono state così colmate dall’Araldica, non solo per la parte genealogica, scienza sussidiaria della storia. Che il Conte Ugolino fosse stato al governo di Sardegna per conto di Pisa, era ad esempio, più che contestato, negato. Il rinvenimento del suo blasone in uno scavo ha riposto la questione e confortato la tradizione e la tesi affermativa”

Franco Cuomo, GLI ORDINI CAVALLERESCHI: "Tra i mille modi che vi sono di investigare nelle pieghe della storia ce n'è uno considerato desueto ai giorni nostri, declassato a mero capriccio estetico, a puro esercizio della vanità, eppure tenuto un tempo in grandissimo conto. Si tratta di una sorta di ricerca caleidoscopica tra colori ed immagini desunte da imprese, leggende, diaspore dinastiche, conflitti ed intese, trionfi e disfatte, la cui combinazione su di uno scudo produce informazioni storiche accessibili ai detentori di un codice complesso, che è quello della cavelleria e dell'araldica."

Felice Tribolati, GRAMMATICA ARALDICA: "Le corone poste sopra lo scudo, servono a distinguere la dignità del proprietario dell'arma. Esse si debbono distinguere, secondo il Sacken, dalle corone degli elmi le quali servono a congiungere l'elmo col cimiero, e dalle corone che servono solo di fregio alle figure dello scudo".

Goffredo di Crollalanza, ENCICLOPEDIA ARALDICO-CAVALLERESCA: “Il Ginanni riassume l’araldica e il blasone con queste parole: . L’araldica è quel’arte che compone le bizzare divisioni dello scudo, immagina essere fantastici, scruta nela mitologia, nella storia, nell’archeologia, nelle matematiche, nelle scienze fisiche, nel costume dei popoli per trarne figure ed insegne, e traccia con segni emblematici sugli scudi delle famiglie, delle città e delle nazioni le vicende, l’appellazione, i titoli e le particolarità di esse, mediante un mezzo conosciuto da tutti i popoli, il simbolo, questo potente ausiliario della storia.”

Italian English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Registrazioni

Compilate il modulo per registrare il vostro emblema

Newsletter

Iscrivetevi alla newsletter del registro

Guida araldica

La guida a tutti gli emblemi registrabili sul registro

Lo studio

Visitate il sito dello Studio Araldico Pasquini