Regolamento

Login Form

Iscrivendovi sul sito e dopo aver abilitato il vostro account riceverete anche la newsletter del registro.

Grazie per esservi registrati e benvenuti.

Log in

 

Art. 1. Indicazioni generali

Qualsiasi persona fisica o giuridica sia italiana che straniera, sia civile, militare o religiosa può registrare stemmi, badges, insegne, crest, rebus, motti, bandiere, stendardi, pennoni, gonfaloni, guidoni, ex libris, livree, sigilli, alberi genealogici, decorazioni, icone, distintivi o altri segni di distinzione e gli statuti araldici sul Registro Araldico Italiano (RAI).

Il Registro Araldico Italiano è una raccolta a cura dello Studio Araldico Pasquini con sede in S. Salvo Marina.

Per la lista completa e la descrizione di tutto quello che è possibile registrare visitate la Legenda del sito.

 


 

Art. 2 Parti e sezioni del registro

Il RAI è diviso nelle seguenti parti:

PARTE I - INSEGNE E STEMMI STORICI ITALIANI

Sez. I - Stemmi noti

Sez. II - Stemmi riconosciuti

Sez. II - Stemmi di distinta civiltà

PARTE II - STEMMI ED EMBLEMI MODERNI

Sezione I - Stemmi ecclesiastici

Sezione II - Stemmi di famiglia

Sezione III - Stemmi goliardici

Sezione IV - Stemmi con decreto

Sezione V - Stemmi di proprietà

PARTE III - ALBERI GENEALOGICI

PARTE IV - STEMMI ED EMBLEMI DI IMPRESE ITALIANE (società, ditte, professionisti, attività commerciali e a fine di lucro varie)

PARTE V - STEMMI ED EMBLEMI DI ENTI (morali e di fatto)

PARTE VI - STEMMI ED EMBLEMI STRANIERI

PARTE VII - EMBLEMI CELEBRATIVI E COMMEMORATIVI

 


 

Art. 3. Tipo di registrazioni

1) Le registrazioni sono di due tipi:

- Automatiche: sono effettuate dal curatore e riguardano stemmi o alberi genealogici i cui intestatari sono noti o conosciuti dal curatore.

- A richiesta: se inoltrate dal richiedente (possessore dello stemma o albero genealogico, responsabile legale dell'ente o della società).

 


 

Art. 4. Categoria delle registrazioni:

Stemmi noti: sono quelli che appartengono ad una famiglia italiana da almeno 100 anni e che sono raffigurati su monumenti, luoghi pubblici o libri antichi e la cui origine, il blasone e la storia sono certi. In genere hanno diritto a questi stemmi i soli discendenti in linea maschile degli originari intestatari, tuttavia il diritto all'uso dello stemma, nel caso di discendenza per linea femminile o collaterale, sarà determinata in base alle leggi araldiche e nobiliari della casa sovrana concedente. Fanno fede tutti i documenti genealogici che comprovano la discendenza dal Casato in questione. Lo stemma originario non sarà modificato durante la registrazione. Per ritenersi eredi araldici di stemmi noti bisogna che si alleghi un eventuale testamento, atto o contratto che abbia come oggetto l'ereditarietà dello stemma. Sono ammessi anche gli stemmi di cittadini del Vaticano e di San Marino.

 

Valgono come prova documentaria i decreti di ammissione in categorie di ordini cavallereschi (riconosciuti da uno stato sovrano) che richiedono prove di nobiltà, almeno centenaria.

 

Registrazione gratuita

* Stemmi riconosciuti: sono gli stemmi che hanno avuto in qualsiasi periodo un riconoscimento (registrazione, rinnovazione, omologazione, immatricolazione, etc) da parte di un'autorità araldica ufficiale, sia italiana che straniera. Lo stemma deve esistere da almeno 50 anni. Hanno diritto a questi stemmi i soli discendenti diretti degli originari intestatari. Fanno fede tutti i documenti genealogici che comprovano la discendenza dal Casato in questione. Lo stemma originario non sarà modificato durante la registrazione. Sono ammessi anche gli stemmi di cittadini del Vaticano e di San Marino.

Saranno altresì registrate automaticamente le armi delle ex Case Sovrane regnanti su territorio italiano nel periodo pre-unitario: nel caso di eventuali dispute dinastiche l'intestazione menzionerà tutti i pretendenti.

Sono validi solo i riconoscimenti (lettere patenti, diplomi, etc) di fonte certa, ovvero la cui copia originale è conservata in un archivio di stato o presso la segreteria della casa sovrana concedente. Nel caso di smarrimento, distruzione o di deterioramento di queste fonti a causa di eventi bellici o naturali, faranno fede eventuali pubblicazioni ufficiali a cura della casa sovrana concedente.  

 

Valgono come prova documentaria i decreti di ammissione in categorie di ordini cavallereschi (riconosciuti da uno stato sovrano) che richiedono prove di nobiltà, almeno centenaria.

 

Registrazione gratuita

Stemmi di famiglia: sono gli stemmi di singoli individui sia italiani che stranieri che utilizzano lo stemma per sé o la loro famiglia. Ai fini della registrazione è richiesta la sola arma o insegna, tuttavia i petizionari sono liberi di aggiungere tutti gli altri simboli che distinguono la famiglia. Il curatore non entra nel merito della validità, origine o veridicità di eventuali titoli nobiliari o cavallereschi, onorificenze o sistemi premiali rappresentati sugli altri stemmi usati dalla famiglia, infatti non esistendo più la Consulta Araldica, né leggi che regolano la materia araldico-nobiliare, i cittadini italiani sono liberi di usare gli elementi esterni di uno stemma come credono. Nell'intestazione saranno riportati solo i titoli  e gli appellativi che sono riconosciuti dallo stato  italiano, o in caso di stranieri, i titoli, e gli apellativi che sono riconosciuti da un'autorità araldico-nobiliare ufficiale.

Per stemma di famiglia si intende quello stemma o meglio quello scudo che l'intestatario intende trasmettere a tutta la famiglia.

Si possono indicare le brisure o le persone che possono usare questo stemma, ma l'arma registrata sarà l'arma pura senza ornamenti esterni (corone, elmo, cimiero, decorazioni cavalleresche, motto, etc).

L'intestario può inserire tutti gli elementi esterni, ma questi faranno parte dello stemma personale che sarà registrato come alias; lo stemma di famiglia consisterà nel solo scudo.

Per esempio si possono riportare decorazioni cavalleresche che non potrebbero essere trasmesse, quarti di parentela o alleanza, concessioni personali, titoli nobiliari non trasmissibili, etc., quindi si ritiene opportuno effettuare questa distinzione.

Per gli stemmi di adozione o di sostituzione (quelle il cui erede, o per donazione, o per adozione, è tenuto ad usare) il Registro Araldico Italiano non registrerà eventuali alterazioni o aggiunte all'arma originaria, neanche come alias.

Eventuali aggiunte o modifiche saranno registrate solo se il nuovo stemma sarà concesso da un'autorità araldica ufficiale straniera. Il nuovo stemma sarà quindi registrato nella Parte II - Sez. IV del RAI Stemmi con decreto, mentre quello vecchio rimarrà registrato come stemma di famiglia.

Costo registrazione: Euro 100 più Iva

Stemmi ecclesiastici

Possono registrare gratuitamente lo stemma, tutti gli appartenenti al clero di qualsiasi Chiesa o confessione, che hanno stipulato intese con lo Stato Italiano, ovvero:

·             la Tavola Valdese (Legge 11.8.1984, n. 449, e Legge 5.10.1993, n. 409); 
·             l'Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del 7° giorno (Legge 22.11.1988, n. 516, e Legge
           20.12.1996, n. 637); 
·             le Assemblee di Dio in Italia (Legge 22.11.1988, n. 517); 
·             l'Unione delle Comunità Ebraiche italiane (Legge 8.3.1989, n. 101, e Legge 20.12.1996, n. 638); 
·             l'Unione Cristiana Evangelica Battista d'Italia (UCEBI) (Legge12.4.1995, n. 116 e Legge 12 marz0
          2012 n.34);  

Gli stemmi Ecclesiastici sono tutti ad personam. Gli enti di culto, la cui personalità giuridica è stat riconosciuta dallo Stato Italiano, sono considerati solo enti e non confessioni o chiese.

Registrazione gratuita

Stemmi goliardici (o di fantasia): sono gli stemmi di ordini o associazioni di tipo goliardico, di appartenenti a queste congregazioni o di altri soggetti, il cui stemma viene usato per goliardia o in altri ambiti che esulano da quelli convenzionali.
Il proprietario dello stemma (se richiesto) rimarrà anonimo sul RAI e la sua identità è conosciuta solo dal curatore del registro. L'intestatario dovrà lo stesso riempire un'autocertificazione, ma non è obbligato a farsi autenticare la firma.

Costo registrazione: Euro 100 più Iva

* Stemmi con decreto: sono gli stemmi che sono stati concessi, registrati, immatricolati od omologati a cittadini italiani da un'autorità araldica di uno stato sovrano estero. E' obbligo esibire la copia del decreto relativo alla pratica, emesso dall'autorità competente.

Costo registrazione: Euro 100 più Iva.

* Stemmi di proprietà


Gli stemmi di proprietà sono quelli inerenti ad una proprietà (terreno, fabbricato o altro) e la cui denominazione è appunto quella della proprietà in oggetto; intestatari di questi stemmi tuttavia, sono i proprietari che nel tempo si succederanno nella proprietà e che scelgono lo stemma che rappresenta la proprietà stessa.

Per registrare lo stemma di proprietà bisogna allegare la copia dell'atto di acquisto o acquisizione della proprietà stessa.

Nel corso degli anni è anche possibile cambiare lo stemma in questione.

Costo registrazione: Euro 100 più Iva.

* Alberi genealogici: possono registrare il proprio albero genealogico (diretto o collaterale) solo gli italiani o gli stranieri con radici italiane (fino al 6° grado). Insieme all'albero bisogna presentare anche i relativi documenti comprovanti l'attendibilità dell'albero. Sul sito del RAI sarà pubblicato solo l'albero genealogico (se il petizionario darà il consenso), il resto della documentazione sarà allegata quando il RAI sarà depositato presso l'archivio di stato. I titoli e gli appellativi dei componenti dell'albero genealogico saranno riportati tali e quali come indicato nei documenti di identità, di stato civile, nei registri parrocchiali o notarili.

Albero genealogico episcopale: è quello relativo ai vescovi italiani

Albero genealogico spirituale: è quello che si ricava elencando i padrini e le madrine dei vostri avi. Quindi partendo da voi bisogna citare i padrini, i padrini dei padrini e così via fin dove è possibile ricercare.

Pennone genealogico: il pennone genealogico è un prospetto che mostra gli stemmi degli avi del petizionario, a forma di albero genealogico.

Da oggi 31 maggio 2014, nella Parte III del Registro Araldico Italiano, sarà possibile registrare anche il pennone genealogico.

Il pennone genealogico è un prospetto che mostra gli stemmi degli avi del petizionario, a forma di albero genealogico.

- See more at: http://www.registroaraldicoitaliano.it/regolamento.html#sthash.ILhACNgS.dpuf

Costo registrazione: Euro 100 più Iva.

* Stemmi commerciali: possono registrare il proprio stemma tutte le aziende, imprese, società, ditte italiane, i professionisti e tutti titolari di partita iva allegando la relativa scheda.

Sono eclusi dalla registrazione le società pubbliche.

Possono richiedere la registrazione coloro che hanno come logo uno stemma araldico, un badge, o un'insegna descrivibile. Sono ammessi anche gli stemmi di imprese del Vaticano e di San Marino.

Sono accettate anche le registrazioni in capo a tenute o possedimenti strettamente correlati ad un'attività commerciale.

Costo registrazione: Euro 100 più Iva.

* Stemmi di enti italiani: possono registrare il proprio stemma tutti gli enti di fatto e giuridici italiani (tranne gli enti territoriali). L'ente deve risiedere ed operare in Italia; è obbligatorio allegare lo statuto. La registrazione deve essere richiesta dal responsabile legale dell'ente. Sono ammessi anche gli stemmi di enti del Vaticano e di San Marino.

Sono ammesse tutte le istituzioni ecclesiastiche di diritto pontificio, anche se residenti ed operanti all'estero.

Gli enti di culto, la cui personalità giuridica è stata riconosciuta dallo Stato Italiano, sono considerati solo enti e non confessioni o chiese.

I consorzi, gli enti con personalità giuridica, le banche, le fondazioni, le università, le società, le associazioni, le Forze armate ed i Corpi ad ordinamento civile e militare dello Stato prima di usare uno stemma devono richiederne la concessione allo Stato Italiano attraverso richiesta da sottoporre all'Ufficio Araldico della Presidenza del Consiglio.

Costo registrazione: Euro 100 più Iva (è gratuita la registrazione degli stemmi di enti pubblici)

* Emblemi celebrativi e commemorativi

Saranno registrate in questa sezione le singole decorazioni, le onorificenze e gli emblemi celebrativi e commemorativi.

Saranno prese in considerazione le onorificenze, i sistemi premiali e le decorazioni di stati, enti riconosciuti, famiglie, enti religiosi o altri enti italiani, con uno statuto scritto e registrato.

Gli ordini cavallereschi che hanno più sedi saranno considerati enti.

Saranno invece elencati tutti gli emblemi celebrativi e commemorativi, anche stranieri.

Per emblema celebrativo o commemorativo si intende l'emblema o stemma che celebra o commemora un evento, un'opera, una pubblicazione, una ricorrenza, una scoperta, un'impresa, un'invenzione, una festa, un tributo o altro fatto degno di rilievo.

Sono ammessi sia gli emblemi italiani che stranieri, che non siano anche o già di famiglia.

Il curatore comunque si riserva la facoltà di accettare le nuove registrazioni a seconda dei casi e della specificità dell'emblema in questione.

Costo registrazione: Euro 50 più Iva.

+ Statuto araldico: è il documento che elenca tutti i segni di distinzione, gli usi degli stessi, le persone autorizzate ad usarli, le brisure, i titoli nobiliari, i titoli cavallereschi, i riconoscimenti onorifici (accademici, ecclesiastici, militari, civili, dottorali, etc) dell'intestatario. Lo statuto sarà registrato insieme agli stemmi e sarà aggiunto alla lista dei documenti depositati.

Per i segni di distinzione di enti e commerciali a seconda dei casi si sceglierà se registrare solo lo scudo o anche il resto dell'emblema.

 


 

Art. 5. Responsabilità ed autodichiarazioni

Per evitare registrazioni fraudolente o truffaldine, i petizionari dovranno assumersi la responsabilità di dichiarare che lo stemma che presenteranno da registrare non appartiene a nessuno e manlevano lo Studio da qualsiasi responsabilità nel caso di appropriamento di stemmi di altre famiglie, specie se storiche o note.

Dovranno quindi compilare ed inoltrare l' autocertificazione,( in cui si autocertifica la propria identità e le insegne o gli stemmi o (gli alberi genealogici) che si usano e si vogliono registrare) e la liberatoria (per il trattamento dei dati personali: in cui si concede al curatore il permesso di trattare i dati acquisiti nei modi, nei tempi e nei luoghi che ritiene necessari).

Il richiedente inoltre dovrà provare la propria identità in uno nei seguenti modi:

- Con un pagamento elettronico (indicando la causale del pagamento)

- Con la firma autenticata sull'autocertificazione e sulla liberatoria;

- Con la firma digitale sull'autocertificazione e sulla liberatoria ;

- Con l'apposizione di una marca temporale sull'autocertificazione e sulla liberatoria; 

- Inviando entrambe i documenti tramite posta elettronica certificata;

- Inviando entrambe i documenti con posta raccomandata con ricevuta di ritorno (in questo caso bisogna allegare un documento di identità).

- Gli appellativi, le qualifiche od eventuali titoli per identificare i petizionari saranno riportati tali e quali come indicato nei documenti di identità o di stato civile del proprio paese. Saranno altresì riportati i titoli accademici e dottorali riconosciuti dalla Repubblica Italiana (per gli italiani) o dallo stato in cui si ha la cittadinanza (per stranieri).

- Altri eventuali titoli o qualifiche derivanti da onorificenze, concessioni, riconoscimenti, sistemi premiali o dalla storia di famiglia, saranno riportati nell'alias, ove richiesto, e nella scheda biografica redatta dal petizionario.

- La scheda dovrà essere il più sintetica possibile ed inviata in formato pdf : essa non sarà pubblicata sul sito del RAI, nè allegata al relativo fondo, ma resterà nell'archivio dell'editore.

Il curatore non entra nel merito circa la natura, l'autenticità o la veridicità di quanto riportato nell'alias o del contenuto della scheda autobiografica e declina ogni responsabilità circa eventuali danni nei confronti di terzi. Eventuali titoli (nobiliari e non) riportati nell'alias non sono da considerarsi riconosciuti o validi dal registro.

- Possono anteporre al proprio nome Don o Donna:

a) tutti i capi delle casate italiane iscritte negli elenchi nobiliari ufficiali, nonchè i discendenti di queste famiglie aventi diritto ai rispettivi titoli;

b) coloro che hanno questo appellativo sugli atti di stato civile;

c) coloro che hanno questo appellativo sui certificati di conferimento di onorificenze, benemerenze o appartenenza a sodalizi di carattere nobiliare, formati da membri discendenti da famiglie inserite in elenchi nobiliari ufficiali.

Tra i sodalizi sono inclusi lo SMOM e tutti gli ordini cavallereschi di dinastie regnanti, nonchè i loro sistemi premiali, le loro benemerenze e le loro onorificenze.

- Per preservare la privacy dei registranti, i documenti di identità, il codice fiscale, la partita iva e gli estremi dei documenti di identità, saranno conservati presso l'archivio del curatore e non saranno versati nel fondo

Chi compila il modulo "richiesta stemmi", può anche evitare di compilare l'autocertificazione, ma in questo caso saranno pubblicate le immagini degli emblemi registrati, ma non la loro esegesi; nè saranno pubblicate la provenienza e la residenza dell'intestatario.
Avranno diritto agli emblemi i soli discendenti diretti dell'intestatario.

 


 

Art. 6 . Aggiunta, modifica e rettifica delle registrazioni

Le registrazioni avranno un numero consequenziale che non si potrà più cambiare, anche perché non è possibile cancellare una registrazione, una volta effettuata. Invero è possibile modificare una registrazione, cancellando o modificando parte di essa, nonché aggiungendo altri eventuali segni di identificazione (stemmi o altro).

Art. 6 bis. Per evitare la registrazione di emblemi di dubbio gusto e che possono inficiare la qualità ed il livello del Registro Araldico Italiano, saranno registrate solo le versioni degli emblemi che il curatore riterrà opportune.

Ovviamente si sarà liberi di usare la versione che più si preferisce ed ai fini della registrazione la sola blasonatura sarà sufficiente.
Se non sarà presentata nessuna immagine relativa all'emblema il curatore ne disegnerà una che dovrà comunque incontrare l'approvazione dell'intestatario prima di essere registrata e pubblicata.

 


 

Art. 7. Tempi, modalità e costi delle registrazioni

La tempistica che occorre per la registrazione di uno stemma dipende da vari fattori, comunque non prima di una settimana.

Sono obbligati ad inviare l'autocertificazione tutti i richiedenti che non sono conosciuti personalmente dal curatore. Dopo aver riempito il modulo e inviato l'autocertificazione, sarete contattati e vi sarà comunicato come procedere.

Questi i costi relativi ai servizi che offre il registro (i prezzi sono esclusi di Iva):

* Creazione stemma ex novo: da Euro 100 a bozza realizzata con il computer;

*Registrazione stemmi: Euro 100  (comprende l'emissione e l'invio del certificato e dell'estratto di registrazione)

* Registrazione stemmi ecclesiastici e storici: gratuita

* Blasonatura: da Euro 25 a 100 (a stemma)

* Analisi ed esegesi di uno stemma: da valutare

* Stampa A4 dello stemma su carta pergamena: Euro 50 (+ spese di spedizione);

* Stampa in A3 dello stemma su cartoncino: Euro 70 (+ spese di spedizione);

* Analisi e valutazione dei documenti genealogici (in caso di stemmi storici): gratuita

* Aggiornamento registrazioni: Euro 25.

A tutti i soci e membri di collegi, istituti, associazioni, accademie, società di tipo araldico, italiani e straniere è offerta la possibilità di registrare il proprio stemma sul Registro Araldico Italiano con lo sconto del 50%.

Lo sconto del 50% si applica anche a tutti gli appartenenti alle forze militari, dal grado di sovrintendente ai gradi inferiori.

Per usufruire dell'offerta bisogna allegare alla richiesta di registrazione la copia della tessera di socio, membro, associato o accademico.

Gli enti araldici di qualsiasi natura possono altresì registrare il loro logo/stemma gratuitamente.

Si consiglia di effettuare un deposito notarile del bozzetto dello stemma per una maggior protezione dello stemma o di un'autentica della firma da parte di un pubblico ufficiale.

Si prega di stampare e compilare l'autocertificazione e la liberatorio per il trattamento dei dati personali.

 


 

Art. 8. Estratti e certificati di registrazione

- Per ogni registrazione sarà emesso un certificato di registrazione e un estratto della stessa.

- Solo gli intestatari della registrazione possono richiedere certificati o estratti di registrazione

- Il certificato e l'estratto saranno inviati al registrante con raccomandata con ricevuta di ritorno o per posta elettronica certificata (in caso di registrazioni gratuite)


LEGENDA

 

{sharethis}

Italian English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Registrazioni

Compilate il modulo per registrare il vostro emblema

Newsletter

Iscrivetevi alla newsletter del registro

Guida araldica

La guida a tutti gli emblemi registrabili sul registro

Lo studio

Visitate il sito dello Studio Araldico Pasquini