Regolamento

Login Form

Iscrivendovi sul sito e dopo aver abilitato il vostro account riceverete anche la newsletter del registro.

Grazie per esservi registrati e benvenuti.

Log in

 

Art. 4. Categoria delle registrazioni:

Stemmi noti: sono quelli che appartengono ad una famiglia italiana da almeno 100 anni e che sono raffigurati su monumenti, luoghi pubblici o libri antichi e la cui origine, il blasone e la storia sono certi. In genere hanno diritto a questi stemmi i soli discendenti in linea maschile degli originari intestatari, tuttavia il diritto all'uso dello stemma, nel caso di discendenza per linea femminile o collaterale, sarà determinata in base alle leggi araldiche e nobiliari della casa sovrana concedente. Fanno fede tutti i documenti genealogici che comprovano la discendenza dal Casato in questione. Lo stemma originario non sarà modificato durante la registrazione. Per ritenersi eredi araldici di stemmi noti bisogna che si alleghi un eventuale testamento, atto o contratto che abbia come oggetto l'ereditarietà dello stemma. Sono ammessi anche gli stemmi di cittadini del Vaticano e di San Marino.

 

Valgono come prova documentaria i decreti di ammissione in categorie di ordini cavallereschi (riconosciuti da uno stato sovrano) che richiedono prove di nobiltà, almeno centenaria.

 

Registrazione gratuita

* Stemmi riconosciuti: sono gli stemmi che hanno avuto in qualsiasi periodo un riconoscimento (registrazione, rinnovazione, omologazione, immatricolazione, etc) da parte di un'autorità araldica ufficiale, sia italiana che straniera. Lo stemma deve esistere da almeno 50 anni. Hanno diritto a questi stemmi i soli discendenti diretti degli originari intestatari. Fanno fede tutti i documenti genealogici che comprovano la discendenza dal Casato in questione. Lo stemma originario non sarà modificato durante la registrazione. Sono ammessi anche gli stemmi di cittadini del Vaticano e di San Marino.

Saranno altresì registrate automaticamente le armi delle ex Case Sovrane regnanti su territorio italiano nel periodo pre-unitario: nel caso di eventuali dispute dinastiche l'intestazione menzionerà tutti i pretendenti.

Sono validi solo i riconoscimenti (lettere patenti, diplomi, etc) di fonte certa, ovvero la cui copia originale è conservata in un archivio di stato o presso la segreteria della casa sovrana concedente. Nel caso di smarrimento, distruzione o di deterioramento di queste fonti a causa di eventi bellici o naturali, faranno fede eventuali pubblicazioni ufficiali a cura della casa sovrana concedente.  

 

Valgono come prova documentaria i decreti di ammissione in categorie di ordini cavallereschi (riconosciuti da uno stato sovrano) che richiedono prove di nobiltà, almeno centenaria.

 

Registrazione gratuita

Stemmi di famiglia: sono gli stemmi di singoli individui sia italiani che stranieri che utilizzano lo stemma per sé o la loro famiglia. Ai fini della registrazione è richiesta la sola arma o insegna, tuttavia i petizionari sono liberi di aggiungere tutti gli altri simboli che distinguono la famiglia. Il curatore non entra nel merito della validità, origine o veridicità di eventuali titoli nobiliari o cavallereschi, onorificenze o sistemi premiali rappresentati sugli altri stemmi usati dalla famiglia, infatti non esistendo più la Consulta Araldica, né leggi che regolano la materia araldico-nobiliare, i cittadini italiani sono liberi di usare gli elementi esterni di uno stemma come credono. Nell'intestazione saranno riportati solo i titoli  e gli appellativi che sono riconosciuti dallo stato  italiano, o in caso di stranieri, i titoli, e gli apellativi che sono riconosciuti da un'autorità araldico-nobiliare ufficiale.

Per stemma di famiglia si intende quello stemma o meglio quello scudo che l'intestatario intende trasmettere a tutta la famiglia.

Si possono indicare le brisure o le persone che possono usare questo stemma, ma l'arma registrata sarà l'arma pura senza ornamenti esterni (corone, elmo, cimiero, decorazioni cavalleresche, motto, etc).

L'intestario può inserire tutti gli elementi esterni, ma questi faranno parte dello stemma personale che sarà registrato come alias; lo stemma di famiglia consisterà nel solo scudo.

Per esempio si possono riportare decorazioni cavalleresche che non potrebbero essere trasmesse, quarti di parentela o alleanza, concessioni personali, titoli nobiliari non trasmissibili, etc., quindi si ritiene opportuno effettuare questa distinzione.

Per gli stemmi di adozione o di sostituzione (quelle il cui erede, o per donazione, o per adozione, è tenuto ad usare) il Registro Araldico Italiano non registrerà eventuali alterazioni o aggiunte all'arma originaria, neanche come alias.

Eventuali aggiunte o modifiche saranno registrate solo se il nuovo stemma sarà concesso da un'autorità araldica ufficiale straniera. Il nuovo stemma sarà quindi registrato nella Parte II - Sez. IV del RAI Stemmi con decreto, mentre quello vecchio rimarrà registrato come stemma di famiglia.

 

Costo registrazione: Euro 100

 

Stemmi ecclesiastici

Possono registrare gratuitamente lo stemma, tutti gli appartenenti al clero di qualsiasi Chiesa o confessione, che hanno stipulato intese con lo Stato Italiano, ovvero:

·             la Tavola Valdese (Legge 11.8.1984, n. 449, e Legge 5.10.1993, n. 409); 
·             l'Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del 7° giorno (Legge 22.11.1988, n. 516, e Legge
           20.12.1996, n. 637); 
·             le Assemblee di Dio in Italia (Legge 22.11.1988, n. 517); 
·             l'Unione delle Comunità Ebraiche italiane (Legge 8.3.1989, n. 101, e Legge 20.12.1996, n. 638); 
·             l'Unione Cristiana Evangelica Battista d'Italia (UCEBI) (Legge12.4.1995, n. 116 e Legge 12 marz0
          2012 n.34);  

Gli stemmi Ecclesiastici sono tutti ad personam. Gli enti di culto, la cui personalità giuridica è stat riconosciuta dallo Stato Italiano, sono considerati solo enti e non confessioni o chiese.

Registrazione gratuita

 

Stemmi goliardici (o di fantasia): sono gli stemmi di ordini o associazioni di tipo goliardico, di appartenenti a queste congregazioni o di altri soggetti, il cui stemma viene usato per goliardia o in altri ambiti che esulano da quelli convenzionali.
Il proprietario dello stemma (se richiesto) rimarrà anonimo sul RAI e la sua identità è conosciuta solo dal curatore del registro. L'intestatario dovrà lo stesso riempire un'autocertificazione, ma non è obbligato a farsi autenticare la firma.

Costo registrazione: Euro 100

* Stemmi con decreto: sono gli stemmi che sono stati concessi, registrati, immatricolati od omologati a cittadini italiani da un'autorità araldica di uno stato sovrano estero. E' obbligo esibire la copia del decreto relativo alla pratica, emesso dall'autorità competente.

Costo registrazione: Euro 100

 

* Stemmi di proprietà


Gli stemmi di proprietà sono quelli inerenti ad una proprietà (terreno, fabbricato o altro) e la cui denominazione è appunto quella della proprietà in oggetto; intestatari di questi stemmi tuttavia, sono i proprietari che nel tempo si succederanno nella proprietà e che scelgono lo stemma che rappresenta la proprietà stessa.

Per registrare lo stemma di proprietà bisogna allegare la copia dell'atto di acquisto o acquisizione della proprietà stessa.

Nel corso degli anni è anche possibile cambiare lo stemma in questione.

Costo registrazione: Euro 100

 

* Stemmi con sentenza

 

Sono gli stemmi che sono stati riconosciuti mediante sentenza di un tribunale italiano, straniero, internazionale o di una corte arbitrale.

Lo stemma riporterà gli elementi descritti dalla blasonatura della sentenza ed eventuali cambiamenti saranno apportati solo dopo ulteriore sentenza riguardante lo stesso stemma.

 

 

* Alberi genealogici: possono registrare il proprio albero genealogico (diretto o collaterale) solo gli italiani o gli stranieri con radici italiane (fino al 6° grado). Insieme all'albero bisogna presentare anche i relativi documenti comprovanti l'attendibilità dell'albero. Sul sito del RAI sarà pubblicato solo l'albero genealogico (se il petizionario darà il consenso), il resto della documentazione sarà allegata quando il RAI sarà depositato presso l'archivio di stato. I titoli e gli appellativi dei componenti dell'albero genealogico saranno riportati tali e quali come indicato nei documenti di identità, di stato civile, nei registri parrocchiali o notarili.

Albero genealogico episcopale: è quello relativo ai vescovi italiani

Albero genealogico spirituale: è quello che si ricava elencando i padrini e le madrine dei vostri avi. Quindi partendo da voi bisogna citare i padrini, i padrini dei padrini e così via fin dove è possibile ricercare.

Pennone genealogico: il pennone genealogico è un prospetto che mostra gli stemmi degli avi del petizionario, a forma di albero genealogico.

 

Da oggi 31 maggio 2014, nella Parte III del Registro Araldico Italiano, sarà possibile registrare anche il pennone genealogico.

Il pennone genealogico è un prospetto che mostra gli stemmi degli avi del petizionario, a forma di albero genealogico.

- See more at: http://www.registroaraldicoitaliano.it/regolamento.html#sthash.ILhACNgS.dpuf

Costo registrazione: Euro 100

 

* Stemmi commerciali: possono registrare il proprio stemma tutte le aziende, imprese, società, ditte italiane, i professionisti e tutti titolari di partita iva allegando la relativa scheda.

Sono eclusi dalla registrazione le società pubbliche.

Possono richiedere la registrazione coloro che hanno come logo uno stemma araldico, un badge, o un'insegna descrivibile. Sono ammessi anche gli stemmi di imprese del Vaticano e di San Marino.

Sono accettate anche le registrazioni in capo a tenute o possedimenti strettamente correlati ad un'attività commerciale.

Costo registrazione: Euro 100

 

* Stemmi di enti italiani: possono registrare il proprio stemma tutti gli enti di fatto e giuridici italiani (tranne gli enti territoriali). L'ente deve risiedere ed operare in Italia; è obbligatorio allegare lo statuto. La registrazione deve essere richiesta dal responsabile legale dell'ente. Sono ammessi anche gli stemmi di enti del Vaticano e di San Marino.

Sono ammesse tutte le istituzioni ecclesiastiche di diritto pontificio, anche se residenti ed operanti all'estero.

Gli enti di culto, la cui personalità giuridica è stata riconosciuta dallo Stato Italiano, sono considerati solo enti e non confessioni o chiese.

I consorzi, gli enti con personalità giuridica, le banche, le fondazioni, le università, le società, le associazioni, le Forze armate ed i Corpi ad ordinamento civile e militare dello Stato prima di usare uno stemma devono richiederne la concessione allo Stato Italiano attraverso richiesta da sottoporre all'Ufficio Araldico della Presidenza del Consiglio.

Costo registrazione: Euro 100

 

* Emblemi celebrativi e commemorativi

Saranno registrate in questa sezione le singole decorazioni, le onorificenze e gli emblemi celebrativi e commemorativi.

Saranno prese in considerazione le onorificenze, i sistemi premiali e le decorazioni di stati, enti riconosciuti, famiglie, enti religiosi o altri enti italiani, con uno statuto scritto e registrato.

Gli ordini cavallereschi che hanno più sedi saranno considerati enti.

Saranno invece elencati tutti gli emblemi celebrativi e commemorativi, anche stranieri.

Per emblema celebrativo o commemorativo si intende l'emblema o stemma che celebra o commemora un evento, un'opera, una pubblicazione, una ricorrenza, una scoperta, un'impresa, un'invenzione, una festa, un tributo o altro fatto degno di rilievo.

Sono ammessi sia gli emblemi italiani che stranieri, che non siano anche o già di famiglia.

Il curatore comunque si riserva la facoltà di accettare le nuove registrazioni a seconda dei casi e della specificità dell'emblema in questione.

Costo registrazione: Euro 50

+ Statuto araldico: è il documento che elenca tutti i segni di distinzione, gli usi degli stessi, le persone autorizzate ad usarli, le brisure, i titoli nobiliari, i titoli cavallereschi, i riconoscimenti onorifici (accademici, ecclesiastici, militari, civili, dottorali, etc) dell'intestatario. Lo statuto sarà registrato insieme agli stemmi e sarà aggiunto alla lista dei documenti depositati.

Per i segni di distinzione di enti e commerciali a seconda dei casi si sceglierà se registrare solo lo scudo o anche il resto dell'emblema.

 

Italian English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Registrazioni

Compilate il modulo per registrare il vostro emblema

Newsletter

Iscrivetevi alla newsletter del registro

Guida araldica

La guida a tutti gli emblemi registrabili sul registro

Lo studio

Visitate il sito dello Studio Araldico Pasquini