Home

Login Form

Iscrivendovi sul sito e dopo aver abilitato il vostro account riceverete anche la newsletter del registro.

Grazie per esservi registrati e benvenuti.

Log in

rai_bis

PARTE I - Sez. II

STEMMI RICONOSCIUTI

separatore_bis

Registrazione n. 146                            SAVOIA                       15 dicembre 2010

 

  corona

 

Intestatario: Vittorio Emanuele di Savoia; Amedeo Di Savoia (Aosta).

Arma: di rosso, alla croce d'argento

 

Motto: Fert

 

Timbro: con l'elmo reale, coronato colla Corona di ferro; con due leoni riguardanti d'oro come sostegni reali, e con le grandi insegne degli ordini equestri reali come decorazione (Ordine supremo della Santissima Annunziata, Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, Ordine militare di Savoia, Ordine della Corona d'Italia, Ordine civile di Savoia); l'intero stemma sotto un padiglione di velluto azzurro cimato dalla Corona Reale di Savoia, soppannato di raso bianco frangiato d'oro, la frangia attaccata ad un gallone caricato di croci scorciate e di nodi di Savoia alternati; esso padiglione a colmo d'oro, sormontato da una stella d'argento, raggiante d'oro; la base del colmo accostata dalla sommità dei guidoni, fustati d'oro, tenuti dai leoni, e che sono interzati in palo di verde, di bianco e di rosso, il bianco caricato in cuore di uno scudetto di rosso alla croce bianca, bordato di un sottilissimo filetto di azzurro; tutto lo stemma accollato al fusto del gonfalone di Savoia che è cimato coll'aquila sabauda d'oro, ha lo stendardo bifido di rosso, crociato, e soppannato di tela d'argento e colle cravatte azzurre scritte coi motti e gridi d'arme: SAVOYE-SAINT -MAURICE- BONNES NOUVELLES.

 

Alias: d'oro, all'aquila di nero.

 

Alias: inquartato: nel primo gran quarto di CIPRO: nel primo di GERUSALEMME (d'argento, alla croce potenziata d'oro, accantonata da quattro crocette dello stesso), nel secondo di LUSIGNANO (fasciato di argento e di azzurro di otto pezzi, al leone di rosso, lampassato e coronato d'oro, attraversante), nel terzo di ARMENIA (d'oro, al leone di rosso, armato e coronato di argento), nel quarto di LUSSEMBURGO (d'argento, al leone di rosso, armato e coronato d'oro, con la coda forcuta e. decussata). Nel secondo gran quarto partito e innestato in punta: nel primo di WESTFALIA (di rosso, al cavallo allegro e rivoltato d'argento), nel secondo di SASSONIA (fasciato d'oro e di nero di otto pezzi, alla corona di ruta, o crancelino, dì verde, posta in banda centrata), nel terzo di ANGRIA (di argento, a tre puntali di spada male ordinati di rosso). Nel terzo gran quarto partito: nel primo di CHABLAIS (d'argento, seminato di plinti di nero, al leone del secondo, armato e lampassato di rosso), nel secondo di AOSTA (di nero, al leone di argento, armato e lampassato di rosso). Nell'ultimo gran quarto, semitroncato-partito: nel primo di PIEMONTE (dì rosso, alla croce dì argento, attraversata in capo da un lambello di azzurro), nel secondo di GINEVRA (cinque punti d'oro, equipollenti a quattro dì azzurro), nel terzo dì MONFERRATO (di argento, al capo dì rosso). Innestato in punta, fra il terzo e l'ultimo gran quarto, di NIZZA CONTEA (d'argento, all'aquila al volo abbassato dì nero, coronata dello stesso). Sul tutto uno scudetto di SAVOIA ANTICA (d'oro, all'aquila di nero, spiegata e coronata dello stesso) e sopra il tutto del tutto, in cuore dell'aquila, di SAVOIA MODERNA (di rosso, alla croce di argento). Nel punto di onore sul tutto di SARDEGNA (d'argento, alla croce di rosso, accantonata di quattro teste di moro in profilo, attortigliate di argento).

 

 

 

{sharethis}

Italian English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Registrazioni

Compilate il modulo per registrare il vostro emblema

Newsletter

Iscrivetevi alla newsletter del registro

Guida araldica

La guida a tutti gli emblemi registrabili sul registro

Lo studio

Visitate il sito dello Studio Araldico Pasquini