Home

Login Form

Iscrivendovi sul sito e dopo aver abilitato il vostro account riceverete anche la newsletter del registro.

Grazie per esservi registrati e benvenuti.

Log in

rai_bis                                                             

PARTE II - Sez. I

STEMMI  ECCLESIASTICI

separatore_bis

Registrazione n. 407                  D'ABBRACCIO                         15 settembre 2013

cross

Intestatario: Don Lucio D'Abbraccio

Dignita': Parroco, Canonico ordinario.

Scudo: sagomato

Arma: di rosso, al leone d'oro, sostenente nelle branche anteriori una torre dello stesso, merlata alla guelfa, murata, aperta e finestrata di nero; al capo d'azzurro, caricato da una colomba al naturale, dal volo spiegato ed in maestà, accompagnata nei cantoni del capo da due stelle (5) d’argento e sormontata da una stella (8) d’oro.

Motto: il motto AD TUENDAM FIDEM, in lettere maiuscole lapidarie romane di nero, con le iniziali di rosso, su di un cartiglio al naturale, foderato del secondo.

Timbro: un cappello prelatizio di nero con due cordoni pendenti terminanti in tre fiocchi dello stesso colore per ciascun lato (1,2). Lo scudo è sormontato da una croce biforcata d'argento.

Esegesi: con il leone l'armigero intende che il cristiano deve essere forte, audace, coraggioso nell'annunciare la Parola di Dio, la sua Fede; Fede che deve essere inattaccabile, inespugnabile come una torre, una fortezza. Poiché da soli noi non possiamo fare nulla, abbiamo bisogno di essere aiutati, guidati, dalla beata Vergine Maria la quale, per opera dello Spirito Santo, ha concepito nel suo grembo il Cristo. Però Maria è anche Madre di Dio è la Theotokos. Dunque lo Spirito Santo deve illuminare le nostre menti affinché la Parola di Dio, possa essere annunciata e affinché la nostra Fede non vacilli.

La nostra Fede deve essere salda, ferma (azzurro) e, deve essere proclamata, annunciata con grande potenza (oro) e con la testimionianza, anche a costo di versare il sangue (rosso).

Il motto AD TUENDAM FIDEM (Per Difendere la Fede) Motu Proprio del Beato Papa Giovanni Paolo II del 18 maggio 1998, vuole dire che la Fede per essere difesa occorre anche usare la giustizia (argento) (il codice di diritto canonico) avendo sempre presente la salvezza delle anime, che deve sempre essere nella Chiesa la legge suprema.

La croce a 8 punte (croce di malta) indica non solo l'appartenenza dell'armigero al Sovrano Militare Ordine di Malta, ma anche le 8 beatitudini alle quali tutti i cristiani devono tendere.

 Don Lucio DABBRACCIO

                

____________________________________________________________

Documenti depositati: autocertificazione, liberatoria, stemma, carta d'identità.

 

{sharethis}

Italian English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Registrazioni

Compilate il modulo per registrare il vostro emblema

Newsletter

Iscrivetevi alla newsletter del registro

Guida araldica

La guida a tutti gli emblemi registrabili sul registro

Lo studio

Visitate il sito dello Studio Araldico Pasquini